Blog Post

Se stai iniziando a coltivare peperoncini piccanti ed hai letto i miei articoli a riguardo, sicuramente avrai notato che diverse volte viene citato l’utilizzo di una GrowBox per la germinazione e le prime fasi di crescita indoor delle piantine. Infatti la coltivazione indoor nei primi periodi delle piante è sempre la scelta “quasi obbligata” se […]

Come allestire una GrowBox per la coltivazione indoor

Se stai iniziando a coltivare peperoncini piccanti ed hai letto i miei articoli a riguardo, sicuramente avrai notato che diverse volte viene citato l’utilizzo di una GrowBox per la germinazione e le prime fasi di crescita indoor delle piantine. Infatti la coltivazione indoor nei primi periodi delle piante è sempre la scelta “quasi obbligata” se si ha intenzione di coltivare peperoncini piccanti, soprattutto delle specie provenienti da luoghi con temperature annuali diverse dalla nostre, ad esempio le zone tropicali.

Ma andiamo per passi e capiamo prima di tutto: Che cos’è una GrowBox?

Traducendo letteralmente la parola non è altro che una “Scatola per far crescere” o più specificatamente per coltivare. Infatti, in poche parole, non è altro che uno spazio delimitato attrezzato con lampade che simulano la luce solare e sistema di riscaldamento, aerazione e umidificazione che ricreano un ambiente ottimale per far nascere e crescere in modo eccellente le piante.

Perchè utilizzare una GrowBox?

Oltre per una probabile completa coltivazione indoor che prevede di affrontare tutte le fasi della pianta nella GrowBox, si usa questa attrezzatura per poter ricreare un ambiente adatto alla coltivazione anche quando all’esterno non è possibile averlo, ad esempio, visti i lunghi tempi di nascita e crescita di alcune specie; si usano le GrowBox per poter seminare in pieno inverno per trovarsi poi con piante ben sviluppate nella stagione calda ed essere quindi pronte a fiorire all’esterno; senza questa tipologia di coltivazione per alcune specie di piante sarebbe quasi impossibile poter nascere ed arrivare a fioritura completamente outdoor, in quanto non ci sarebbe il tempo e le condizioni climatiche necessarie.

Ora che hai capito cos’è ed a cosa serve una GrowBox passiamo proprio a scoprire cosa serve per poterne attrezzare una ideale per la coltivazione indoor.

GrowBox o GrowRoom

Naturalmente per poter allestire una GrowBox (o GrowRoom se si parla di ampio spazio), serve per prima cosa averne una; qui hai veramente una grande vastità di scelte sia per poterne acquistare una già pronta che, se sei amante del fai da te, costruirtela per conto tuo.

Nel primo caso non devi far altro che recarti in un negozio specializzato o ricercare online da rivenditori o sui grandi marketplace come Amazon per trovarne una più adatta alle tue esigenze, soprattutto per quanto riguarda le dimensioni. Le più gettonate in genere sono quelle con telaio tubolare in pvc e rivestimento in tessuto riflettente, che hanno già preimpostate delle prese per il ricircolo d’aria e dei supporti per le lampade; sono al quanto economiche e soprattutto di facile e rapida installazione.

Alternativa a queste puoi optare per il fai da te o riciclando dei vecchi contenitori di plastica o legno o creando proprio una struttura su misura con un telaio portante rivestito con materiale isolante come il polistirolo. La soluzione più semplice è quella di creare un telaio portante in legno ricoperto con pannelli in polistirolo, il tutto reperibile in qualsiasi negozio per il fai da te. Questa opzione in genere è la migliore per creare un prodotto perfetto per le proprie esigenze, ma in quanto a spesa finale a volte si supera anche quella di una già in commercio. 

Ecco alcune GrowBox disponibili in commercio: 

Lampade

Le lampade sono uno degli elementi assolutamente fondamentali nella coltivazione indoor in quanto senza una luce adatta la coltivazione quasi sicuramente avrà esiti negativi. Scegliere quindi le giuste lampade per la coltivazione sarà quindi il passo più importante da fare per avere ottimi risultati. Ti consiglio quindi di leggere l’articolo dedicato per scoprire tutte le tipologie di lampade per la coltivazione ad ora in commercio, sapere come calcolare la potenza di luce adatta per la tua growbox e fare quindi la scelta giusta per l’acquisto di nuove lampade per la coltivazione.

>Leggi ora l’articolo dedicato alle lampade per la coltivazione.<

In genere insieme alle lampade consiglio sempre di acquistare un timer per poter gestire automaticamente il tempo di accensione e spegnimento delle stesse.

Alcune delle migliori soluzioni per illuminare la tua GrowBox:

Sistema di riscaldamento

Un altro fattore molto importante per la coltivazione è sicuramente la temperatura all’interno della growbox, infatti senza le adeguate temperature si avranno sicuramente dei pessimi risultati nella germinazione dei semi o nella crescita delle piante.

Montare quindi un adeguato sistema di riscaldamento è fondamentale per allestire al meglio la propria growbox ed avere ottimi risultati di coltivazione indoor.

In commercio esistono diversi sistemi di riscaldamento, in genere nelle growbox si usano principalmente tre sistemi principali: Filo o tappetino riscaldante, tubo riscaldante, termoventilatore.

Il filo o tappetino riscaldante, non sono altro che due strumenti formati da resistenze elettriche rivestite che grazie all’elettricità producono calore, in genere si usano posizionandoli proprio sotto ai vasi riscaldando direttamente il terriccio e favorendo tra l’altro la germinazione dei semi.

Il tubo riscaldante invece è un vero e proprio tubo che a differenza dei fili/tappettini viene utilizzato per riscaldare l’intero ambiente di coltivazione.

I termoventilatori invece non sono altro che ventilatori con resistenze che garantiscono una buona emissione di aria calda, ideale soprattutto per le aree di coltivazione più ampie.

In genere consiglio sempre l’acquisto di un filo o tappetino riscaldante da posizionare sotto i vasi per mantenere a temperatura il terriccio e favorire la germinazione corredato di un riscaldatore per l’ambiente come i tubi o i termoventilatori per portare a temperatura ideale l’intera “stanza” di coltivazione e creare tutto l’ambiente perfetto per le piante.

E’ consigliabile acquistare insieme ai sistemi di riscaldamento anche un termostato che attivi e disattivi automaticamente gli strumenti in base alla temperatura stabilita.

Alcuni dei migliori prodotti per riscaldare una GrowBox:

Ventole per ricircolo aria

Far circolare l’aria all’interno della growbox è molto importante, quindi creare un buon impianto di ventilazione che permetta alla growbox di aspirare “aria nuova” ed espellere “aria esausta” è un altro elemento da tenere in considerazione.

In genere si usano due semplici ventole a vortice posizionate una in basso “che aspira aria” ed una in alto “che espelle aria” in lati contrapposti per creare un circolo di aria ottimale, utile anche quando le temperature all’interno della growbox si fanno troppo elevate ed è quindi utile espellere aria calda ed introdurre aria fresca.

Queste ventole sarà poi possibile azionarle manualmente, ma io consiglio sempre un sistema automatico a tempo o meglio con un termostato elettronico preimpostato, anche in relazione al sistema di riscaldamento.

Oltre al circolo d’aria tra dentro e fuori la growbox è molto utilizzato installare un vero e proprio ventilatore all’interno che simuli proprio l’azione del vento sulle piante. Questa tecnica serve a far stimolare le piante ad ingrossare il fusto per resistere allo spostamento dell’aria e quindi si hanno miglioramenti in termini di crescita.

Alcuni sistemi di ricircolo aria per le GrowBox:

Umidificatori

Il tasso di umidità è un altro fattore da tenere in conto se si vuole ottenere una buona percentuale di germinazione ed una buona crescita delle piante, infatti con una percentuale di umidità troppo bassa potrai rischiare che il terriccio asciughi troppo rapidamente, non garantendo la giusta umidità costante ai semi e quindi compromettendo la germinazione, oppure con piante più grandi può portare ad un appassimento dello stesse.

Il problema di umidità troppo bassa in genere si riscontra usando lampade potenti e sistemi di riscaldamento che alzano la temperatura ed “asciugano” l’aria dell’ambiente di coltivazione; per risolvere si istallano quindi umidificatori che nebulizzano l’acqua ed alzano così la percentuale di umidità nella GrowBox.

Importante: è importante creare un ambiente con una giusta umidità compresa tra il 50% ed il 80%, valori troppo alti a lungo tempo potrebbero portare alla formazione di pericolose muffe.

Per avere una regolazione perfetta dell’umidità puoi utilizzare un igrostato digitale che permette l’avvio e lo spegnimento dell’umidificatore automaticamente in base ai parametri da te impostati.

I migliori umidificatori ideali per la GrowBox:

Se vuoi una soluzione rapida ed affidabile guarda i kit GrowBox complete in vendita:

In conclusione: cosa è fondamentale comprare?

Ora tirando le somme, se qualcuno mi chiedesse qual è la prima cosa da comprare per coltivare indoor risponderei senza pensarci un secondo: delle ottime lampade.

Infatti mentre tutti quelli descritti in precedenza sono accessori utili alla coltivazione, le lampade sono fondamentali per ottenere risultati.

E’ possibile quindi evitare di comprare GrowBox, riscaldatori e quant’altro perché magari si è deciso di coltivare in una stanza o anche in un mobile di casa che garantiscono temperature ideali, ma prendere delle lampade potenti è l’unica spesa che dovrai assolutamente fare, perché appunto la luce che si ha in casa non sarà mai sufficientemente potente da garantire una crescita corretta delle piante.

Ora che hai scoperto cosa serve per allestire una GrowBox per la coltivazione indoor, non ti resta che studiare bene come agire in base alle tue esigenze e dare vita alla tua foresta in casa.

Ti lascio con un piccolo video della GrowBox da me costruita e che utilizzo tutt’ora; ricordati di commentare con la tua esperienza in merito e se ti è piaciuto di consigliare quest’articolo ad un tuo amico! 

 

Sicuramente potrebbero interessarti:

Altri articoli interessanti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X